La giuria tecnica

La giuria tecnica per i testi di narrativa

Presidente di giuria
Rita Angelelli – Direttore Editoriale di Le Mezzelane Casa Editrice
Scrivere è una delle sue passioni. Madre di due figli, ormai adulti, vive a Santa Maria Nuova, in provincia di Ancona, e svolge il suo lavoro con perizia e dedizione. Ogni Autore della Casa Editrice è per lei un membro della sua Famiglia. Scrittrice di romanzi  erotici e poesie, ha pubblicato due romanzi erotici, uno dei quali in revisione, una silloge poetica dal titolo “Armonici Equilibri”, una silloge poetica “Ceramiche a capodanno” sulla violenza di genere, un racconto lungo autobiografico in cui narra di un viaggio di una sola notte, “Salve amici della notte, sono Porzia Romano”, e due manuali di scrittura: “Goffaggini erotiche e involuzioni prosaiche”, scritto a quattro mani con Maria Grazia Beltrami, e “Body building per scrittori”, un eserciziario di scrittura creativa. E’ in procinto di pubblicare il suo terzo romanzo: Solo sabbia nelle mani, una storia ambientata tra Ancona e Porto Recanati, alla rincorsa delle leggende che gli abitanti del luogo si tramandano di generazione in generazione; una raccolta di poesie e riflessioni sulla vita e una raccolta di racconti erotici.
Giurati
Maria Grazia Beltrami: Nata a Cremona nel 1960, impara a leggere e scrivere a soli tre anni grazie alla mitica trasmissione televisiva Non è mai troppo tardi.
Il suo sesto compleanno fa registrare due avvenimenti che in qualche modo segneranno la sua vita: il trasferimento a Busto Arsizio per motivi di famiglia e un Piccolo chimico che riceve in regalo.
A Busto Arsizio frequenta l’Istituto Tecnico Industriale – dove si diploma in Chimica industriale – e incontra Gabriella Olgiati, straordinaria insegnante che inculca nei suoi allievi la passione per le belle lettere e per la buona scrittura intesi come parte fondamentale della formazione di un bravo chimico.
Dopo l’università e parecchi anni di lavoro come progettista di impianti chimici a Milano, si trasferisce a Udine e lavora per qualche anno presso il Comune di Gorizia, come responsabile dell’Ufficio Ambiente.
In tutto questo tempo la sua passione per la letteratura non cessa, anzi, aumenta in maniera esponenziale. Pubblica racconti di vario genere su giornali e piccoli magazine e, a tempo perso, si occupa di editing, soprattutto di opere tradotte dal tedesco in italiano. Intanto legge, legge, legge.
Nel 2007 frequenta il corso di scrittura creativa organizzato dalla casa editrice friulana Kappa Vu e tenuto dalla poetessa Marina Giovannelli, che conclude scrivendo il racconto di fantascienza “Tomorrow or now?” che apre la raccolta intitolata “Racconti Udinesi”.
A partire da quello stesso anno decide di mettere la sua competenza a disposizione di altri scrittori e diventa editor a tempo pieno.
Dal 2013 vive a Berlino, dove esercita, oltre all’attività di editor, anche quella di traduttrice, e intanto legge, legge, legge.

 

Cristina Picili: Mi chiamo Cristina Picili, ho 47 anni e lavoro nel settore culturale di un ente locale. Leggo da quando avevo 3 anni, qualunque cosa, qualunque genere, tranne forse la saggistica che non amo particolarmente. Faccio parte da anni di un club di lettura e prima di scoprire l’eReader (al quale sono chirurgicamente attaccata) ero assidua frequentatrice di librerie e biblioteche. Credo di rappresentare il “lettore medio”, quello che legge sia classici che libri da classifica, senza disdegnare l’autopubblicato. Sono una lettrice emotiva, che perdona più facilmente l’orrore grammaticale che un personaggio mal descritto o una trama incongruente, ma ho un vero feticismo per la punteggiatura: per una virgola tra soggetto e verbo sono capace di atti inconsulti…

Carlo Porrini: Classe 1986, vede la luce ad Atri, cittadina che sorveglia la costa adriatica abruzzese dall’alto di una collina. Quasi 31 anni dopo inizia a scrivere una sua breve biografia, ma si accorge subito di non riuscire a scriverla in terza persona, per cui cambia. Diplomato al liceo scientifico, decido di indirizzare gli studi verso le materie umanistiche, per coerenza, laureandomi in scienze della comunicazione. Sin da bambino ho sempre nutrito una grande passione per ogni forma di narrativa, cosa che mi ha portato a ridurre a brandelli numerosi libri, fumetti, videocassette, e addirittura un preciso posto di una sala cinematografica (quando i posti non erano ancora numerati; bei tempi), per l’eccessivo utilizzo. L’amore vero e proprio per la scrittura, e per la letteratura in generale, matura e si consolida negli anni, indirizzando il mio percorso lavorativo verso il settore editoriale. Fatto sta che non se n’è mai andato, per cui è stato adottato e nutrito con i dovuti studi, e oggi mi ritrovo a collaborare con Le Mezzelane in veste di editor. Finalmente, aggiungerei, visto che ho sempre desiderato interpretare la parte del cattivo. Inutile dirlo, adoro leggere e rileggere; trovo che una storia, in qualsiasi forma essa decida di manifestarsi, sia un biglietto per un traghetto che conduce all’interno di sé stessi e, essendo tutti noi in continuo mutamento, ogni giorno può raccontare qualcosa di diverso. Per questo mi piace un libro stropicciato e maltrattato; significa che è arrivato esattamente dove era destinato ad arrivare. Leggere è scrutarsi dentro, alla ricerca della domanda fondamentale sulla vita, l’universo e tutto quanto. Per cui andate indietro nel tempo, camminate con gli dèi, distruggete l’unico anello, arrivate alla torre nera, ancora e ancora, e sappiate che la risposta rimane sempre 42, ma anche che la domanda è sepolta in quelle pagine, da qualche parte.

Chiara De Giorgi: Sono nata a Milano nel 1972, e le mie grandi passioni sono sempre state leggere, scrivere e viaggiare. Ho trascorso alcuni mesi negli USA e in Regno Unito durante gli anni del liceo, per poi trasferirmi molti anni più tardi a Berlino, da dove non sono più ripartita.

Amo le storie! Da leggere, da scrivere, o da raccontare: non ne ho mai abbastanza!
Leggo tanto, tantissimo, un po’ di tutto in ognuna delle lingue che conosco (italiano, inglese e tedesco), ma la mia predilezione va ai romanzi: avventura, fantasy, fantascienza, steampunk, gialli e altro ancora.

Scrivo e traduco da sempre, ho pubblicato tre libri per bambini nella collana “Imparare è un’avventura” di KABA Edizioni, e qualche racconto è apparso qua e là su vari siti italiani e tedeschi. Uno di loro è addirittura finito in una raccolta di racconti horror per teenager edita da McKenzie Publishing, in Canada.

Ho sempre tanti progetti e mille interessi, che spaziano dal fai-da-te, alle camminate, alla musica, allo studio di qualsiasi cosa stuzzichi la mia curiosità. Come dice sempre la mia zia preferita: poche idee, ma ben confuse!

La giuria tecnica per la poesia
Presidente di giuria
Dott. Lorenzo Spurio: vive a Jesi. Poeta, scrittore e critico letterario, ha pubblicato le sillogi poetiche Neoplasie civili (2014), Le acque depresse (2016) e Tra gli aranci e la menta. Recitativo dell’assenza per Federico Garcia Lorca (2016) nell’amara occasione degli ottanta anni dall’assassinio del poeta spagnolo al quale ha dedicato anche vari saggi. Ha curato le antologie Borghi, città e periferie: l’antologia del dinamismo urbano (2015), Risvegli: il pensiero e la coscienza. Tracciati lirici di impegno civile (2015) e Convivio in versi. Mappatura democratica della poesia marchigiana(2016) opera in due volumi sulla poesia marchigiana. Numerose le sue poesie pubblicate in antologie nazionali.
Ha pubblicato anche libri di racconti e vari saggi e critiche letterarie, in particolar modo sull’autore anglosassone Ian McEwan di cui è uno dei maggiori studiosi nel nostro Paese.
È Presidente della Associazione Culturale Euterpe di Jesi e del Premio Nazionale di Poesia “L’arte in versi”.

 

 
Giurati
 
Michela Zanarella: È nata a Cittadella ma vive a Roma. Ha iniziato a scrivere poesie nel 2004 e da allora ha pubblicato numerosi libri: Credo(2006), Risvegli (2008), Vita, infinito, paradisi (2009), Sensualità (2011), Meditazioni al femminile (2012), L’estetica dell’oltre (2013), Le identità del cielo (2013) e Tragicamente rosso (2015). Per la narrativa ha pubblicato il libro di racconti Convivendo con le nuvole (2009) e la biografia della cantautrice Linda d Nuova identità. Il segreto (2015). Molte sue poesie figurano in antologie a tiratura nazionale. La sua poesia è tradotta in inglese, francese, arabo, spagnolo, rumeno, serbo e giapponese. Collabora con la rivista internazionale «Orizont Literar Contemporan», la rivista di letteratura «Euterpe» e «Poeti nella società».

 

Membro di Giuria in vari concorsi letterari tra cui “L’arte in versi” “Città di Latina”, “Città di Fermo”, “Un libro per l’inverno”, “Memorial Guerino Cittadino”.  È Presidente dell’Associazione di Promozione Sociale “Le Ragunanze”.
Alessandra Montali: È nata a Chiaravalle (AN) nel 1966, città nella quale vive. È insegnante di scuola primaria. Ha pubblicato libri per bambini e due romanzi per i grandi: Paperottoli Casa editrice Ardea (2006), Il Curiosone (2007), Furto in Lapponia (2008), Guillermo, il principe innamorato  (2009), Il mistero della vecchia scuola (2010), Celeste e la camomilla (2012), Il tesoro del parco (2012), Quando la nebbia settembre (2014), Il quadro (2015). Suoi testi sono presenti nelle antologie Quattro passi per Jesi (2014) e  Quattro passi per Jesi – vol. 2 (2015). È socia fondatrice cella Associazione Culturale Euterpe e Presidente del Concorso “Storie in viaggio” – Cingoli.

 

 
Elvio Angeletti: Elvio Angeletti vive a Marzocca di Senigallia. Poeta, ha pubblicato i libri Oltre l’infinito (2011), Poesia e colori nei luoghi dell’anima(2012), Trasparenze interiori (2013) Il profilo delle voci (2013), Luce (2014) e Respiri di vita (2015). Varie sue poesie figurano in antologie di concorsi e lavori collettivi di poesia tra cui Borghi, città e periferie: l’antologia poetica del dinamismo urbano(2015) e Risvegli: il pensiero e la coscienza. Tracciati lirici di impegno civile (2015). Numerosi i premi ed i riconoscimenti ottenuti tanto in Regione che fuori, tra i quali il Premio letterario “Zeno Fortini” di Barchi (2012), la segnalazione di merito al Concorso “Alda Merini” organizzato dalla Accademia dei Bronzi di Catanzaro (2014),…

 

È ideatore e presidente del premio di poesia “Poesia nel borgo” che annualmente si tiene a Montignano di Senigallia e socio fondatore della Associazione Culturale Euterpe.

 

 
 

 

Valtero Curzi: vive a Senigallia.  Dopo il conseguimento del diploma di maturità tecnica all’istituto per Geometri ha seguito per anni le attività di famiglia nella specializzazione nel campo delle costruzioni edili, laureandosi poi in Filosofia all’Università di Urbino. Per la poesia ha pubblicato Universo di Emozioni (2012) mentre per la narrativa ha pubblicato il romanzo epistolare Sotto il cielo turchino di Bayan Olgii(2013). Ha scritto numerosi saggi di filosofia e storia, a tutt’oggi inediti. Segue l’arte presentando mostre e scrivendo su letteratura, poesia  e filosofia intervenendo in incontri, serate e dibattiti, oltre a scrivere critiche per case editrici, associazioni e riviste.
Leila Falà è nata ad Ancona, vive a Bologna. Laureata al Dams di Bologna con G. Scabia e M. De Marinis  e allieva della scuola di Teatro Galante Garrone, si è occupata a lungo di comunicazione e donne (è tra le fondatrici del Centro Documentazione delle Donne di Bologna).  Attrice, nel 2000 entra ne Il Gruppo Libero Teatro con cui recita fino al 2008. Ha lavorato con registi come Tanino De Rosa, Pia Papandrea, Roberto Latini, Pietro Floridia, Andrea Paolucci; fonda la piccola compagnia “TredonnEun MusicistA” (2012). Alcuni testi per il teatro sono stati messi  in scena dal Gruppo Libero Teatro e ITC Teatro di San Lazzaro. Poeta, inizia a scrivere solo attorno al 2002 e partecipa da subito a incontri e reading,  entrando a far parte  del vivace mondo poetico bolognese. Dal 2006 fa parte del Gruppo ’98 Poesia, che si propone il confronto e la scrittura delle poete.  Nel 2013 scrive per la memoria della strage di Ustica e per “La Notte di San Lorenzo” la silloge “Oggetti” pubblicata, con la prefazione di Niva Lorenzini, dall’Associazione dei parenti delle Vittime di Ustica nel libro “E’ negli oggetti che ti ricerco” (Corraini, Mantova, 2013).  Nel 2015 pubblica “Mobili e altre minuzie” Edizioni DARS – Udine.  Sue poesie sono inoltre  pubblicate in numerose antologie. Ha collaborato, fra gli altri, come lettrice dei suoi testi o interprete di testi di poesia, con Radio Città e Radio Città del Capo di Bologna, Teatro San Martino -Bologna, ITC teatro, Istituto Parri, Le Voci della Luna e con Chiara Cretella, Loredana Magazzeni, Bianca Maria Frabotta, Sergio Rotino e molti altri.
 
Annunci